CECE Tool v6.0

Il lancio del CECE Tool v6.0 è previsto per l'inizio del 2023. Il CECE Tool v6.0 introdurrà una terza classifciazione con una valutazione delle emissioni di CO2. Inoltre, si terrà conto dell'ulteriore sviluppo di norme e leggi e si renderà possibile una modellazione più precisa degli impianti tecnici di edifici. La normalizzazione 2.0.1 costituisce la base del CECE Tool v6.0. Inoltre, sono state adottate complesse misure software per garantire la compatibilità con le precedenti versioni, ad esempio per le richieste di finanziamento già approvate.

Per una visione più dettagliata e con esempi, è possibile consultare la presentazione "CECE: Focus su innovazioni e garanzia di qualità" di Monika Hall alla Swissbau 2022.

Informazioni complete da parte degli esperti CECE saranno fornite nel nostro Webinar il 19.12.2022, dalle 12.00 alle 13.00. Si prega di riservare la data. Seguiranno ulteriori informazioni.

  • CO2¬†- e le emissioni di gas serra

    La cosa più evidente è l'introduzione di una terza etichetta che classifica le emissioni dirette di CO2 limitate al riscaldamento degli ambienti e all'acqua calda con incrementi di 5 kg. Si noti che la scala è corretta in base alla stazione climatica selezionata con il fattore di correzione fcor per la temperatura media annua già menzionata.

     

    Il CECE ora distingue tra due tipi di emissioni e le indica sul documento. I due metodi si differenziano come segue:

    • Nuovo: emissioni di CO2 (emissioni dirette limitate al riscaldamento degli ambienti e all'acqua calda) con valutazione (A-G) a passi di 5 kg. Questo include tutte le emissioni dirette di CO2, cioè quelle provenienti da fonti all'interno dei confini della proprietà, per il riscaldamento degli ambienti e dell'acqua calda, come il riscaldamento a gas e a olio. In questo senso, l'elettricità e il calore dal teleriscaldamento sono a emissioni zero.
    • Come prima: emissioni di gas serra o CO2 In questo indicatore vengono prese in considerazione anche le emissioni provenienti da processi a monte, ad esempio dalla generazione di elettricità. Inoltre, viene preso in considerazione l'effetto cumulativo di vari gas a effetto serra (EGES) in relazione alla CO2.
  • Modifica dell'edizione attuale della norma SIA 380/1:2016

    Le due edizioni della norma SIA 380/1 "Fabbisogno termico", edizione 2009 e 2016, sono sostanzialmente identiche. Mentre il calcolo del valore di progetto non presenta quasi alcuna modifica, la differenza più evidente riguarda il calcolo del valore limite. Queste tre modifiche sono state implementate:

    • nuovi valori per la base QH,li0 e la discriminante ΔQH,li . Ad esempio, per un MFH QH,li0 nuovo = 13 kWh/m2 (invece di 15,3 kWh/m2 ) e ΔQH,li nuovo = 15 kWh/m2 (invece di 18,1 kWh/m2 ).
    • Adeguamento del fattore di correzione fcor per la temperatura media annua, che ora è calcolata sulla base di 9,4°C (anziché 8,5°C) e di una discriminante del 6%/K (anziché 8%/K).
    • L'area dell'involucro dell'edificio Ath viene calcolata senza l'influenza del fattore di riduzione b. In questo modo, il valore limite è anche indipendente dal fattore b dei componenti dell'edificio rispetto al terreno e non riscaldato, il che è di grande vantaggio soprattutto quando si calcolano le varianti per gli edifici esistenti.

    Il valore limite dei nuovi edifici o il confine tra le categorie B e C nel CECE si sposta quindi di qualche punto percentuale a seconda della posizione e della geometria dell'edificio. Queste modifiche hanno un effetto sulla classificazione della classe CECE "Efficienza dell'involucro dell'edificio", mentre la modifica della norma SIA non ha quasi alcun effetto sull'"Efficienza energetica globale". Si deve quindi prevedere una variazione per i valori di progetto vicini al limite della classe. Con la modifica dello norma SIA, anche la visualizzazione dei risultati nello strumento è ora completamente cambiata da MJ a kWh.

  • Miglioramento del settore riscaldamento e acqua calda

    A grande richiesta, con la versione 6.0 introduciamo un ulteriore tipo di emissione del calore "convezione + irraggiamento" e allo stesso tempo  nuovi generatori di calore "legna ad alimentazione manuale" e "pellet ad alimentazione manuale".

    In accordo con Minergie, ora è possibile registrare anche una "stufa a legna come riscaldamento supplementare", con la quale è possibile coprire al massimo il 10% della superficie di riscaldamento fornita per il calcolo dell'"efficienza energetica globale". Oltre alla considerazione normalizzata per il calcolo della classe di efficienza, è possibile calcolare i valori effettivi per riconciliare il consumo effettivo e il fabbisogno calcolato.

    Sarà possibile definire fino ad un massimo di 10 accumulatori sia per il riscaldamento che per l’acqua calda o combinati. Ogni generatore di calore può essere collegato a due accumulatori. I casi standard possono essere inseriti come prima con la procedura guidata ampliata "Riscaldamento/ACS".

    Diverse formule di calcolo sono inoltre adattate agli standard più recenti.

    Inoltre, sono state corrette la base di calcolo dell'energia ausiliaria e il recupero di calore dell'acqua calda, che ora vengono attribuiti al riscaldamento anziché all'acqua calda.

  • Compatibilit√† con le versioni precedenti

    Con la pubblicazione del CECE Tool v6.0 all'inizio del 2023, le nuove pubblicazioni CECE sono possibili solo in conformità con la normalizzazione del CECE v2.0.1. Per documentare lo stato dei record di dati, prima dell'avvio del CECE Tool v6.0 verrà creato un file di log di tutti i record di dati già pubblicati, che potrà essere richiamato nel portfolio.

    Per tenere conto del tempo che intercorre tra l'approvazione e la fatturazione delle misure di incentivazione, che a volte può essere di diversi anni, in alcuni casi selezionati viene offerto un documento di verifica aggiuntivo.

    Per tutti gli aggiornamenti (voci di menu: "Copia ordine (come aggiornamento)" e "Variante allo stato attuale") di progetti pubblicati in precedenza, nella scheda "Documenti" compare un'ulteriore voce di menu "Classificazione secondo la vecchia normalizzazione del CECE". Con il documento di verifica che può essere richiamato qui, gli esperti CECE possono dimostrare alle autorità la corretta attuazione di tutte le misure sostenute. Analogamente alla creazione del documento CECE, il documento di verifica può essere creato in qualsiasi momento in un'anteprima contrassegnata come bozza o dopo la pubblicazione in una versione definitiva.