FAQ sul CECE

  • Chi è responsabile dello sviluppo del CECE?

    Il CECE è uno strumento dei Cantoni e ne è responsabile la Conferenza dei direttori cantonali dell’energia (EnDK). Il CECE Online Tool continua a essere sviluppato in seno all’associazione CECE.

  • Chi può rilasciare un CECE?

    Il CECE è rilasciato da esperti CECE certificati. Una lista di esperti certificati è disponibile qui. La scelta dell'esperta /  dell’esperto spetta al proprietario dell’immobile.

  • Come trasferire il mio CECE a un nuovo esperto?

    Soltanto la proprietaria / il proprietario dell'immobile può trasferire un CECE. L'associazione CECE si occupa del trasferimento su richiesta del proprietario dell'immobile. Il formulario di trasmissione può essere ottenuto qui.

  • Il CECE rimane valido nel caso di vendita di una casa?

    Il CECE viene rilasciato sull'edificio e rimane valido anche in caso di cambio di proprietà. Il CECE viene trasferito al nuovo proprietario dell'edificio.

  • Come viene rilasciato il CECE?

    L’esperto esegue un sopralluogo e inserisce tutti i dati rilevanti relativi all’immobile. Il proprietario fornisce i dati di consumo relativi a riscaldamento, acqua calda ed elettricità per un periodo di almeno tre anni, sempre che questi dati siano disponibili. Mediante il tool online CECE l’esperto esegue i calcoli per il CECE e rilascia il documento CECE, composto da quattro pagine, ed eventualmente anche un rapporto di consulenza con tutte le misure di risanamento, e lo consegna al proprietario, sia in formato elettronico sia in formato cartaceo.

  • Posso richiedere un CECE anche se sono in affitto?

    No, soltanto i proprietari degli edifici sono autorizzati a incaricare esperti CECE di elaborare un certificato CECE.

  • Quanto costa un CECE?

    L’esperto stila l’offerta per il CECE in base al caso specifico. Vale la pena richiedere un’offerta in anticipo.

  • Per quali categorie di edifici si può rilasciare un CECE?

    Il CECE può venir applicato ad abitazioni monofamiliari e plurifamiliari, edifici amministrativi, edifici scolastici, hotel, negozi e ristoranti. Altre categorie di edifici non sono classificabili e necessitano di una perizia individuale.

  • Il CECE deve essere redatto prima o dopo un risanamento?

    Gli incentivi devono sempre essere richiesti prima dell'inizio della costruzione. Il CECE è una buona base per stabilire se è necessario eseguire un risanamento. In particolare se viene eseguito in seguito alla richiesta di consulenza per un risanamento o se è richiesto per i sussidi nel suo Cantone. L’aggiornamento di un CECE già esistente richiede meno tempo.

  • Si può presentare un ricorso se il proprietario dell'edificio non è d'accordo con il risultato?

    No, perché c'è solo una relazione contrattuale privata tra il proprietario dell'immobile (mandante) e l'esperto del CECE (mandatario), almeno finché la richiesta di un CECE è facoltativa. Se il proprietario non accetta il CECE, si applicano le normali vie legali. È anche libero di farne redigere un altro; in questo caso, solo l'ultimo CECE redatto sarà considerato valido.

  • È obbligatorio far redigere un CECE per il mio edificio?

    Alcuni Cantoni richiedono un CECE in caso di cambiamento di proprietà o per la concessione di sovvenzioni. Ma nella maggior parte dei Cantoni, è facoltativo. Inoltre, il CECE Plus è obbligatorio per gli incentivi superiori a CHF 10.000 dal Programma Edifici.

  • Esiste l’obbligo di fare rilasciare una nuova versione del CECE quando si risana la casa?

    No, non esiste alcun obbligo. Dopo importanti lavori di risanamento, però, il CECE esistente perde di significato, poiché sono cambiati i dati che ne stavano alla base. Perciò, al termine di lavori di risanamento importanti si consiglia di fare eseguire un aggiornamento come verifica. L’aggiornamento costa meno tempo e denaro che il rilascio di un nuovo CECE.

  • Come vanno interpretate le classificazioni delle etichette energetiche?

    Una costruzione nuova, conforme ai valori limite di legge, corrisponde alla classe di efficienza B/B. Si trovano di solito in classe di efficienza globale D immobili vecchi sottoposti a un risanamento importante, ma che presentano evidenti lacune o che non prevedono l’uso di energia rinnovabile. Gli edifici che sono stati parzialmente isolati e alcuni componenti tecnici sono stati risanati rientrano approssimativamente nella classe E. In classe G/G si trovano tutti gli immobili vecchi e non risanati.

  • A quale classe CECE appartengono le case Minergie?

    Gli standard di Minergie non possono essere direttamente dedotti dal certificato energetico degli edifici. Minergie utilizza altri criteri e ha requisiti più severi. Minergie, ad esempio, prescrive un impianto di aerazione e devono essere rispettate le prescrizioni relative al comfort abitativo (per esempio la protezione termica). In linea di principio gli ammodernamenti Minergie appartengono alla classe B/C o a classi superiori. I nuovi edifici secondo standard Minergie corrispondono per lo più alla classe B/B e edifici secondo Minergie-P e Minergie-A quasi sempre alla classe A/A. Non vale però il contrario: gli edifici con una buona classificazione CECE non corrispondono automaticamente allo standard Minergie.